Jack Frusciante, ed il vecchio Alex

Jack Frusciante è uscito dal gruppo.

Enrico Brizzi con il suo libro e successivamente con il film, in qualche modo, ha segnato la mia vita. In quelle pagine e in quei fotogrammi è racchiusa l’essenza di tanto del mio agire ed essere. Come coloro che amano i romanzi generazionali ed in particolare questo, in qualche momento della mia vita sarei voluto essere il vecchio Alex.
Mi sarebbe piaciuto avere una ragazza come Adelaide e un amico con la A maiuscola come Martino. In queste opere ho ritrovato dei concetti che applico nella mia vita sociale, delle metafore che sento mie ora più che mai.
Il concetto di andarsene quando la festa non è ancora finita, quando tutti gli invitati stanno brindando, quando nessuno si aspetta che tu te ne vada è ancora uno dei miei preferiti. Come Jack (John) Fruscinate, il chitarrista dei Red Hot Chili Peppers, è uscito dal gruppo nel momento della loro massima gloria.

Oggi no ho tante parole da spendere,  domani ripartirò per Macerata, tornerò alla mia vita di sempre…

Annunci

4 pensieri su “Jack Frusciante, ed il vecchio Alex

  1. Penso che “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” sia il libro della nostra generazione. Ai tempi che furono, lo lessi tutto d’un fiato e poco tempo fa l’ho rispolverato…
    Credo che ognuno di noi possa rispecchiarsi in questo libro e ti do veramente ragione quando dici che hai ritrovato molti concetti applicabili alla tua vita sociale.
    A volte mi capita di recitare ad alta voce i versi finali (quelli in cui lui in velocità percorre la discesa della casa di Adelaide) e chi non l’ha letto mi prende per matta 🙂 Mentre invece chi ha avuto il piacere di buttarsi a capofitto in esso mi guarda compiaciuto.

    Buon ritorno alla tua routine…

    Mi piace

  2. il film come il libro hanno segnato anche la mia giovane persona, soprattutto quando ti capitano cose che nel libro sono descritte nei minimi particolari. Non ho avuto un Martino ma comunque ad un età prematura qualcuno si è alzato e se n’è andato dalla festa, anche se non era la guest star della mia festa. Mi ha segnato lo stesso, sia me che altri miei cari amici che a 17 anni ci siamo trovati con un peso mai sentito prima.
    e poi c’è il vecchio Alex, così poetico, così padrone del mondo a 17 anni (l’illusione in cui siamo passati tutti), il basso, le incazzature…
    Fac

    Mi piace

  3. E’ abbastanza incredibile, ma neanche tanto, che ognuno di noi abbia dedicato un post della propria vita metaforizzata tramite le parole di Alex.
    Quel che ne penso l’ho scritto del tempo fa, inutile ribadirlo.

    Non so se il Fac si riferisca alla stessa persona di cui anche io ho sempre l’immagine con me.
    Delle feste il bello sta nel decidere di alzarsi ed andarsene, andarsene senza averlo deciso fa veramente incazzare.
    E la mia mano ne sa qualcosa.
    SKA

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...