Dissonanza Cognitiva

Stamattina sono incappato nella teoria della dissonanza cognitiva, cosa è, e cosa fa? La spiego per come l’ho capita: nella mente di ognuno di noi c’è un equilibrio più o meno stabile, questo equilibrio porta a mantenere una certa coerenza tra le proprie idee. Se l’equilibrio viene turbato in una qualche misura, ad esempio con la disillusione di un evento che si credeva certo, la mente tenterà di rispondere al cambiamento cercando di mutare sostanzialmente tre variabili:

  1. l’ambiente circostante.
  2. il proprio comportamento.
  3. il modo di percepire le cose.

Nella mia infinita autoanalisi ho rintracciato, in tempi recenti, ma anche in tempi passati compensazioni a livello psicologico dei tipi descritti sopra.
Mi sono ritrovato a cambiare il modo di percepire le cose, soprattutto nei rapporti sociali, andando a modificare i miei modi di sentire e di vedere superando le incongruenze al mio interno, modificando il mio modo di sentire. Di converso però, questo movimento di pesi atto a bilanciare l’equazione che deteneva la coerenza nella mia mente ha portato altri squilibri compensati, stavolta, con una approccio di tipo comportamentale. In me, soprattutto nei tempi recenti si era creato un complesso meccanismo di reazioni a catena che determinavano la assoluta incapacità di reagire per tempo ai cambiamenti rapidi che si susseguivano nel mio ambiente. Per ciò dato che ogni tentativo di superare una discordanza finiva per generare un nuovo squilibrio ormai avevo raggiunto il limite paradossale che od ogni equilibrio si contrapponeva uno squilibrio di diversa natura. L’ultima variabile su cui potevo agire era L’ambiente. Ultimo atto per ripristinate l’equilibrio fu il recidere quasi indissolubilmente i legami che avevano portato agli squilibri iniziali, cercando volutamente di condizionare l’ambiente a modificare il proprio stato per arrivare ad una rottura.
Fine di questo processo è stato un rinnovato ambiente che interagisce con le mutate condizioni interne. Un nuovo equilibrio più stabile dei precedenti si è venuto a creare asportando, ma non cancellando completamente, i passati interventi finalizzati al superamento della contraddizione.

Mi accorgo di essere stato al centro di un incessante moto chiamato dissonanza cognitiva, in cui le variabili in gioco tendono sempre ad equilibrarsi con equilibri di volta on volta diversi e mai uguali.

Bello.

Annunci

Un pensiero su “Dissonanza Cognitiva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...