Son of a gun

Dieci ore dormite in 2 notti.
Ho guardato nello specchio e quel che ho visto, non ero più io, ma qualcos’altro.
Ho avuto il bisogno di veder bruciare tutto, di far esplodere il mio mondo.
Ho avuto bisogno di spingere me stesso oltre il limite del dolore, della paura, della solitudine.
Non c’era altro modo per far uscire la mia mente da dov’era finita.
Ho dovuto squarciarmi il petto e stringermi il cuore tra le mani per poterlo sentire ancora battere.

…ed infine ho detto addio.

In un tramonto rosso fuoco, ho premuto il grilletto chiudendo i conti con quello che non riuscivo e non volevo più essere.

E’ iniziata la mia nuova sfida, il mio nuovo viaggio in solitaria lungo i binari della vita.

“Ride on, you son of a gun
Ride on, ride into the setting sun
Ride on, you son of a gun”

– Son of a gun – Bruce Dickinson.

Annunci

2 pensieri su “Son of a gun

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...