Dimmi che ho ancora 18 anni

“La fortuna è donna: ed è necessario, volendola tenere sotto, batterla e urtarla”
Niccolò MachiavelliIl Principe (1513)

E nella mia testa sei rimasta sempre uguale.
Sei la prima ragazza. Quella per cui ho fatto cazzate, quella per cui era bello avere 18 anni, per cui era bello andare alle feste ed ubriacarsi…
E di quel periodo ricordo questa canzone che risuonava in qualche locale di Praga …e il sapore d’assenzio, e le campagne intorno a Fabrica mentre riuscivo a toglierti quei jeans scoloriti a zampa d’elefante. …e la macchina bianca di mio padre, e tanti sogni ancora intatti che danzavano su un mare d’ingenuità.
Ricordo i baci e sotterfugi per poter stare assieme a te.
Ricordo i tuoi capelli biondi e gli occhi azzurri in una sera d’estate mentre, tra la gente ubriaca per la Festa della birra, siamo andati in mezzo ad un prato a rubarci le labbra e a guardare le stelle.

Non so perché mi siano venuti in mente questi ricordi.
Momenti distanti anni luce per fuggire da quello che sento adesso.
Una fuga progettata attraverso una richiesta improbabile: “Dimmi che ho ancora 18 anni!“.
Vorrei fuggire via da questo presente. Vorrei ritrovare quella spensieratezza di tanto tempo fa. Vorrei uscire da questo periodo infame dove quel che ho conquistato con il sudore e il sangue, rischia di venire cancellato via da un momento all’altro.

E nonostante tutto, per sopravvivere non posso far altro che metterci tutto me stesso, digrignare i denti fino a farmi uscire il sangue dalla bocca.
Non è il momento di buttarsi giù. Sarebbe troppo facile. Piuttosto è il momento di gettare altro carbone nella caldaia per far ardere con ancor più vigore le fiamme. E’ il momento di bruciare tutto me stesso fino all’ultimo grammo di combustibile per potermela cavare.

No, nessuno mi dirà più che ho 18 anni, anzi, fra poco mi diranno che ne avrò 30.
Non posso rifugiarmi nel passato. La vita è una linea permeata dal tempo che va solo avanti. E non posso aver certezze se non quelle che derivano dalle mie forze.
Non smetterò mai, e lo ripeto da anni ormai, di combattere questa inutilità crescente.

…e si vede che la si lascia più vincere da questi che da quelli che freddamente procedono. E però sempre, come donna, è amica de’ giovani, perché sono meno rispettivi, più feroci, e con più audacia la comandano.

Annunci

2 pensieri su “Dimmi che ho ancora 18 anni

    • Ciao Gintoki, grazie per aver commentato. Purtroppo noi abbiamo trent’anni in un periodo strano. E ognuno di noi sta vivendo sulla propria pelle l’evoluzione di una crisi che ti ruba anche i sogni. E di conseguenza ci credo se dici di rivederti nelle mie sensazioni.
      Un saluto!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...