Cos’è un uomo senza i suoi ricordi?

Una serata come tante di un ragazzo come tanti.
Un bancone di un bar e degli amici con cui bere.
Una serie di facce consumate dall’alcol e dalla crisi.
Una sedia su cui sedermi e pensieri che affollano la mia mente.
Una minigonna, calze, e tacchi alti a farmi compagnia.

Sono un viandante a cui è stato offerto da bere.
Sono la contrapposizione e l’ossimoro di una serata.
Sono il seno prominente di quella ragazza.
Sono tutte le posizioni del Kamasutra che mi vengono in mente.
Sono il ghiaccio che lento si insinua tra i ricordi.

Ricordo una strada di campagna.
Ricordo i sedili posteriori di una una vecchia auto.
Ricordo delle calze e una gonna.
Ricordo respiri affannati e un odore dolciastro.
Ricordo morsi sulle labbra e le sue mani tra i capelli.
Ricordo i suoi occhi, e quanto all’epoca li vedessi belli.
Ricordo che forse, prima di allora, non ero mai stato innamorato.
Ricordo che è passato tanto tempo, ormai, da quella sera.

Cos’è un uomo senza i suoi ricordi?

Tutti abbiamo bisogno di ricordi che ci rammentino chi siamo, io non sono diverso…

On Air: Memento, Cristopher Nolan

Annunci

6 pensieri su “Cos’è un uomo senza i suoi ricordi?

    • …non ho mai visto questo film. Ma accetto di buon grado il tuo consiglio e se riesco lo vedrò oggi stesso. Lo spezzone che hai postato mi ha incuriosito! Buona domenica anche a te!

      Mi piace

    • …finito di vedere ora. Ho fatto bene a seguire il tuo consiglio. E non so se sia azzardato, ma in certi tratti del protagonista mi ci sono rivisto. E per certi versi è davvero un po’ come essere salito su di un “treno diretto dentro me stesso”, perso nella ricerca di un tempo ormai lontano.
      I ricordi non si possono “sovrapporre”.
      Grazie ancora Sara, per questo tuo consiglio!

      Mi piace

    • Sono contenta che ti sia piaciuto, ma non avevo dubbi, Wong Kar Wai è uno che prende, racconta le nostre storie, quelle di tutti, e con pochi personaggi ti crea un film struggente e riflessivo allo stesso tempo. E, visto che il post che hai scritto parla di ricordi, anziché commentare con qualche mio pensiero banale, ho preferito indirizzarti verso qualcuno che di queste cose se ne intende abbastanza 🙂
      (Allora, visto che pare il genere lo hai ben apprezzato, ti consiglio il “sequel” : In the mood for Love … Anche questo, che dire, capolavoro!)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...