E poi mi hai detto: I see the stars come out of the sky

Il portone del palazzo era di colore verde scuro. Sulla sinistra c’era un citofono color oro con tanti pulsanti. Metti le mani nella borsa nera e mentre cerchi, fai tintinnare le chiavi.
Le tiri fuori e le infili nella toppa del portone.
Appena entrata mi tiri dentro prendendomi per una mano e mi chiudi il portone dietro. Saliamo le scale fino alla porta di casa.

Entriamo e mi chiedi di accomodarmi.
Nell’ingresso c’era uno specchio. Mi guardo mentre mi sfilo il montgomery nero e la pashmina grigia e nera. Mi sistemo il colletto della camicia bianca e mi tiro giù il maglione grigio. Guardo in basso e oltre i miei blue jeans scoloriti e strappati dal tempo controllo se le mie polacchine avana sono apposto.

Entro nel soggiorno e mi siedo sul divano. C’è un vecchio giradischi di legno e tu sei in piedi lì davanti. Apri l’antina in vetro del mobiletto e cominci a scorrere il dito indice tra i vari dischi. Ti soffermi su una copertina dal bordo giallo. Soffi sul cartone e intravedo Lust for life. Estrai il disco e delicatamente lo appoggi sul piatto. Prendi la testina e la posizioni sulla quarta traccia. Parte la musica.

Lust for life - Iggy Pop

Fonte: Google

Sto sprofondando tra i cuscini quando ti giri verso di me cantando.

I am the passenger and I ride and I ride
I ride through the city’s backsides
I see the stars come out of the sky
Yeah, the bright and hollow sky
You know it looks so good tonight

Ti siedi accanto e mi dici: «non siamo venuti qui a parlare ancora un po’?»
Riesco finalmente a sentire il tuo profumo, e vedo i tuoi occhi fissi nei miei.
Vorrei parlarti e dire qualcosa di sensato, vorrei, vorrei.
Lascio perdere le parole e vedo avvicinarsi sempre di più le tue labbra alle mie.
Il mio cuore sussulta, e sono in panne quando la canzone:

And everything was made for you and me
All of it was made for you and me
‘Cause it just belongs to you and me
So let’s take a ride and see what’s mine
Singing la la la la…

Accorcio le distanze e passo una mano dietro la tua nuca. Ti bacio.
Un brivido non ha il tempo di percorrermi la schiena quando sento le tue mani sulle mie guance. Il mio cuore sta scoppiando. Scoppia mentre sento il tuo sapore. Scoppia mentre sento il tuo calore. Scoppia mentre il tuo profumo non mi fa capire più niente. Scoppia quando questa canzone mi sembra perfetta. Scoppia quando questa situazione, finalmente, è perfetta.

Ti alzi e vai verso la finestra. Socchiudi le tapparelle e in quel filo di luce che rimane, riesco a vedere i contorni del tuo corpo. Ritorni sul divano, ma questa volta ti metti a cavalcioni sopra di me. Con un movimento della testa ti sposti una ciocca da davanti agli occhi ed esclami:«Ora tocca a te…».

Oh the passenger
He rides and he rides
He sees things from under glass
He looks through his window side
He sees the things that he knows are his
He sees the bright and hollow sky
He sees the city sleep at night
He sees the stars are out tonight
And all of it is yours and mine
And all of it is yours and mine
So let’s ride and ride and ride and ride
Oh, oh, Singing la la la la lalalala

Sul giradischi: Iggy Pop, The passenger

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...