ogni singolo battito

Tracce che non vengono cancellate dal tempo,
ed io, che penso che nonostante tutto
non sia passato un solo giorno in cui
non ho ricordato tutto quello che siamo stati.

Non è un film, o un libro o una lettera.
Sono le parole che non ti dirò mai.
Sono quel che rimane dei miei ricordi.
E’ il mio modo di dirti che dopo di te
ho chiuso le porte del mio cuore
le ho serrate dalle scorribande del tempo
precludendomi così di provare un nuovo amore.

Eppure, non l’avevo pensata così.
Ho creduto e forse ancora spero che
prima o poi sarebbe arrivata una scossa
come da un defibrillatore
facendo tornare alla vita un cuore che non trova
ragioni per battere e per battersi.

Ma ieri, non ho visto altro che vuoto nelle persone.
Fuori per le strade ormai è guerra.
Ho perso molti amici in quelle strade e nelle piazze.
Ho perso anche il sorriso in questa battaglia
che non usa ne pistole ne cannoni
ma che ogni giorno esplode nel mio cuore
sui miei occhi e tra le mani.

Vorrei tornare a quei giorni felici e dimenticare il male,
vorrei passare ancora in moto per le strade della Toscana
tra quelle curve e quei tornanti in cui il futuro appariva meno nero
e l’odore della primavera contagiava con un sorriso
ogni singolo battito del mio cuore.

No I ain’t gonna take it

Hell elevator
I’ll see you later
No I ain’t gonna take it
I’m bustin’ out
Hard as a rock

Pugni a terra e braccia dritte.
Busto proteso in avanti
e testa che si sta per alzare.

Occhi che dalle orbite guardano in su,
un ginocchio a terra e l’altro piegato.
La mia schiena può reggere questo peso.

Quando è stata l’ultima volta che mi sono rialzato?

Quasi due anni vissuti di una non vita.
E uno tsunami che ha smosso anche la terra.
Dovrei essere a pezzi, ma non è così.

C’è il sole fuori e sento la rabbia montarmi dentro.
Ti ho detto che è una questione di cicli.
E questo per certi versi, è il periodo tra il 2006/2007.

Ti ho parlato di Karma e di scelte
e che avrei pagato il prezzo per quel che ho fatto.
Ho accettato il rischio ed ora sconto.

Ma adesso ricordo bene l’ultima volta che mi sono rialzato.

Ricordo il brivido che mi correva sotto la pelle
quando non avevo più nulla da perdere
quando per un attimo ho sentito l’anima di Walksalone.

Ed ora sento ancora quel brivido dentro di me
sotto la pelle e fino al cuore
la sfida che ho rimandato e che però aspettavo.

Fuori c’è il sole e mi sento vivo.
Fuori c’è il sole e mi sento bene.
Fuori c’è il sole e mi sto per rialzare.

On Air: Hard as a Rock, Ac/Dc

Illusion and reality

Cicatrici in viso e occhi grigi.
Un volto che racconta una storia.
E tante bugie.

Mi chiedi del tempo che è passato.
Ma io non posso dirti più nulla.
Non so se è adesso, ieri o già domani.

La luna brilla e piange
un’ombra che si allunga sul cuore
E’ ora che tu conosca il mio dolore.

Cicatrici in viso e occhi grigi.
Un volto che racconta una storia,
La mia visione di una vita libera.

Ricordo chi eri, e ricordo del tempo.
Le tue ragioni e la tua verità.
Ora fa male dirlo, ma avevo torto.

Adesso però  guarda nei miei occhi.
Scorgi la paura?
Sai, non ho dimenticato.

Non ho dimenticato il mio viaggio.
Il mio viaggio attraverso le tenebre.
Dritto verso la radice del buio.

Ricordi lontani mi allontanano dalla verità,
ghiacciati e distanti mi intrappolano qui
in una dimensione che non è più la mia.

Frozen memories laughing
They don’t let me find the truth
Am I born to be a king?
Or a jester of the fools?

You’re the mystical old bard
On your journey through the dark

On air: Blind Guardian, Journey Through The Dark

indeterminato

Un letto sfatto, e la luce che trapela dalla finestra attraverso le tende.
Un termometro che indica 39° di febbre.
E in casa nessuno.

Now we’re apart.
Though not through choice.
Do we stay mute?
Or raise our voice?

Un fuoco da accendere e tanti CV da mandare.
Un “lavoro” a ritenuta d’acconto e quella che adesso è una vita tutta diversa.
Mi ci son ritrovato a fare i conti in meno di un mese.
Ma va bene.
Va bene lo stesso anche se fa un po’ schifo.
Va bene perché però così mi son rimesso in gioco e tra un colloquio e (spero) l’altro, forse qualcosa lo riesco a portare a casa.

Anche perché, la parola indeterminato, per me, ora vuol dire davvero poco.
Conquiste fatte, anni di studi e soldi spesi che ora trovano una ragione e ora no.

Ma continua ad andar bene.

Alla fine i migliori sono quelli che non si arrendono e io non mi arrendo, non adesso.

Sul giradischi, qualcosa regalatomi da una blogger lo scorso anno…
Maybeshewill, He films the clouds, Pt2